SICARIO

La trama vera e propria ve la racconto dopo l’immagine (attenzione, contiene SPOILER)

Qui voglio solo analizzare i 3 protagonisti

  • LEI è un’agente FBI; tipo cazzuto, ma ha un punto debole: vuole muoversi nella legalità e ci resta malissimo quando scopre di essere coinvolta in una crudele guerra senza regole in cui non si confrontano “buoni e cattivi”, ma “bastardi e bastardissimi”; rifiuta di mettere una firma su un documento ufficiale (attestante che la legge non è stata violata) e si ritrova una pistola puntata sotto la gola “faremo in modo che risulti un suicidio…”
  • IL CINICO è un agente CIA; un pezzo grosso; di fronte alle domande di LEI risponde “il traffico della droga è inarrestabile, visto che il 20% degli americani fa uso di droghe; perciò noi lo vogliamo solo controllare, distruggendo i narcotrafficanti messicani e lasciando il monopolio a quelli colombiani…”
  • IL SICARIO è un killer spietato; lavora per la CIA, ma soprattutto insegue una sua vendetta privata; quello che compie nella villa del boss Alarcòn è di una crudeltà inaudita (anche i film di J. Bond si concludono con delle stragi, ma si risparmiano i bambini…); a modo suo, è gentile con LEI: dopo averla costretta a firmare le consiglia di farsi trasferire in una piccola città “dove le leggi hanno ancora un senso… questa è una terra di lupi!”

Domanda: come si spiegano gli scarsi incassi di SICARIO (scarsi in America, scarsissimi in Italia)?

Risposta: il pubblico accetta le stragi cinematografiche (tipo Tarantino) purché siano poco realistiche; insomma, sembrino favole; qui invece esci dalla sala con la sgradevolissima sensazione che le operazioni antidroga siano solo delle partite a scacchi, dei giochi di potere.

Dopo la locandina riassumerò il film. Attento però, tu che leggi: lo spoiler è in agguato!

scar
TRAMA ESSENZIALE. LEI entra in una strana casa: “aaaarghhh! cazzo! bum bum bum bang tatatatatà bum!” LEI scorta un boss dal Messico a El Paso: “bang bang bang! aaarghhhh! aaaarghhhh! tatatatà bum bum bum! aaaarghhh! aaaaarghhhhh!” SICARIO traversa il confine: “bang bang bang bang tatatatà aaaaaaarghhhhh! cazzo! cazzo! cazzo! bang aaaaarghhhhh! aaaaaaaaarghhhhh! bang cazzo! cazzo! bang aaaaarghhhh! bang bang bang aaaaarghhh!” SICARIO si allontana da LEI; LEI gli punta contro la pistola; SICARIO si volta; si guardano; SICARIO si allontana voltandole le spalle; LEI non spara.

Published in: on luglio 13, 2016 at 11:46 am  Comments (2)  

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2016/07/13/sicario/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. l’ho perso; ho il DVD e non ho voglia di guardarlo. Vedremo…

    Mi piace

    • non è un film allegro
      come in APOCALYPSE NOW il solo commento è ORRORE, ORRORE…

      Mi piace


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: