Dramma (a lieto fine) in 5 atti

Premessa essenziale, ma anche no: il protagonista (d’ora in poi denominato Marco) altri non è che l’anonimo P che all’aeroporto di Bologna ha già dato prova della sua pirlaggin distrazione.

Atto primo.

(dal fruttivendolo) -Ecco qua, signor Marco! Serve altro?-

Marco – Ho scordato il portafoglio a casa! Ancora! Abbia pazienza, signora… è l’età che si fa sentire! (fruga affannosamente nelle tasche)

-Non c’è problema… pagherà domani, dopodomani, l’anno prossimo…-

Atto secondo.

Marco suona al campanello del Vicino.

-Vicino, o mio vicino! Mi sono chiuso fuori di casa! Non trovo più il mazzo delle chiavi! Eppure devo entrare… potrei passare dal vostro terrazzo che confina col mio… e forse, forzando la finestra del bagno, entrare in casa? Oppure chiamerò i pompieri? Ma preferirei evitarlo…-

(il vicino esamina la porta e studia la situazione) -Le sconsiglio vivamente di saltare dal mio terrazzo al suo! E’ pericoloso! E poi sa quanto le costerebbe rifare la finestra del bagno? La cosa migliore è scendere in strada e chiedere l’intervento del ferramenta qui all’angolo… corra che sono quasi le 12.30!-

Marco corre in strada

Atto terzo

Davanti al negozio del ferramenta Marco bussa invano. Sono già passate le 12.25 (lui chiude a quell’ora, non alle 12.30 come crede il vicino) e comunque, a pensarci bene, costerebbe un occhio forzare la serratura. Più economico è chiamare un taxi e farsi portare a S. Giovanni in Persiceto, dove la moglie (già nota come M) ha il suo mazzo di chiavi.

Atto quarto

di nuovo nel negozio del fruttivendolo

Marco – Signora, questa mattina mi scusavo della mia distrazione e le dicevo che l’età si fa sentire… beh, è anche peggio di come pensavo! Ora devo chiamare un taxi… ma non ho soldi e perciò devo approfittare della sua gentilezza e chiederle un presti… (si interrompe, un attimo prima di chiamare il numero 519090) ma quello non è il mazzo delle mie chiavi?

(infatti, nell’Attoprimo, aveva frugato con troppa energia le proprie tasche e le chiavi erano finite in una cassetta di kiwi)

Atto quinto

nella casa del vicino che (d’accordo con la moglie) si è impietosito del pirla di Marco e lo ha invitato a mangiare un boccone

Vicino -Quanti disastri sono stati sfiorati oggi! Lei avrebbe potuto rischiare il salto tra i due balconi… avrebbe potuto rompere il vetro… avrebbe potuto trovare il ferramenta che le avrebbe chiesto un’enormità per aprire la porta di casa… altrettanto costoso sarebbe stato il viaggio in taxi! E invece è finito tutto bene! Dunque non dica più che per i distratti non c’è compassione! Qualche angelo custode c’è!!
distratt

Published in: on maggio 11, 2016 at 2:20 pm  Comments (6)  
Tags: , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2016/05/11/dramma-a-lieto-fine-in-5-atti/trackback/

RSS feed for comments on this post.

6 commentiLascia un commento

  1. Può capitare a tutti, dai! Solidarietà da parte mia, essendo distrattissima! Quando ti capiterà di fare i bucati con l’ammorbidente al posto del detersivo, potrò considerarti distratto quanto me!😀

    P. S. per la cronaca: bucati perfettamente puliti!

    Mi piace

  2. Coraggio, se Marco passa gli faccio una tariffa di favore😉
    E comunque la vita da svagati è più colorata!

    Mi piace

  3. ma come ti capisco. come ti capisco😦

    Mi piace

    • anche tu hai un angelo custode (parente, amica/o, vicino) che rimedia alla tua distrazione?

      Mi piace

      • no, al contrario, sono sempre stata io quella che rammentava gli impegni agli uomini della mia famiglia, ma da un po’ di tempo, causa stress dicono, non ricordo più niente neanch’io. Ergo, agenda, foglietti e post it disseminati in giro.😦

        Mi piace


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: