22.11.63 – Qualche considerazione dopo la seconda puntata

Del romanzo di S. King ho già parlato (se volete sapere come va a finire leggetevi le ultime righe del post).

Cosa penso della serie omonima? E’ ancora presto per valutare (sono 8 puntate) e quindi ne riparleremo.

Però qualcosa la voglio dire adesso.
22.11

    • La tv conosce i suoi polli (gli spettatori) e punta sull’azione; pochi ragionamenti, molto sangue; l’orrore nella casa di Doris Dunning (solo 3 pagine nel romanzo) è descritto con scialo di effetti speciali, mentre le considerazioni di Senzabretelle Turcotte sul fatto che l’ergastolo sarebbe una pena più severa per H. Dunning della pallottola che Jake sta inserendo nel tamburo del revolver sono state tagliate.
    • S. King è bravissimo nell’analizzare la psicologia dei suoi personaggi, ma il suo linguaggio non è trasferibile sul piccolo schermo. Ci vorrebbe una voce fuori campo; “non ero ancora entrato nella nebbia dell’irrealtà che presto mi avrebbe inghiottito, ma le prime spire iniziavano a circondarmi… e potevo sentirle”. Per non parlare delle amare considerazioni politiche: “in America  (nel 1958 come nel 2011) l’apparenza è sempre scambiata per sostanza…”
    • Infine, il protagonista del romanzo (non è un santo) viene ingentilito nella serie tv (ha sposato una negr una coloured e dopo la separazione si scambiano gentilezze che nel romanzo non ci sono); ma c’è tempo nelle prossime puntate per descrivere i lati oscuri di Jake

jaj
Ah, mi sono chiesto perché la tragica storia dei Dunning sia stata spostata da Derry (Maine) a un immaginario paesotto del Kentucky.

Beh, in una serie tv si deve spendere poco (rispetto alle produzioni cinematografiche).

Si risparmia sugli attori. Soprattutto si risparmia sulle location.

Ricostruire Derry (la città in cui SK ha ambientato IT) è costosissimo: nel Maine il presente è molto diverso dal passato…

Meglio spostarsi in un angolaccio del Kentucky, tra casette di legno, bar e garage dove il tempo sembra essersi fermato a 57 anni fa.

 

Published in: on aprile 22, 2016 at 9:09 am  Comments (3)  
Tags: , ,