13 cose che Giulio Verme non ha fatto (ovvero, come vivere con un cervello utilizzato al 2% delle sue potenzialità)

Tempo fa avevo cazzegg dissertato sul caso di LUCY, la quale utilizzò il 100% delle sue potenzialità.

Dopo aver visto un filmuzzo non privo di arguzia, provo a elencare cose assurde che il protagonista (Giulio Verme) fa o non fa. Una delle 14 è presente nel film, le altre 13 no.

Film italiano, naturalmente. Infatti parla di risorse inutilizzate (mentre LUCY, diretto da un francese con enfasi americana, è decisamente più ottimista)

Dunque parliamo di Giulio (l’itagliano medio) il quale

  • convinto che i Medjugorie siano un complesso folk che si esibisce con Madonna, da tempo cerca di procurarsi on line un biglietto del loro concerto (ma non ci riesce: “come sono disorganizzati!!!”)
  • si presenta a un convegno di femministe con 50 SFUMATURE DI GRIGIO in mano dicendo “Questo romanzo mi ha fatto capire che a voi donne piace essere schiavizzate…”
  • propone di raddoppiare lo stipendio e la pensione ai parlamentari (“se sono ricchi non hanno bisogno di rubare”)
  • racconta al presidente Mattarella la storiella della siciliana che rimase incinta guardando la foto del fidanzato
  • quando chiama un taxi dà sempre un indirizzo sbagliato per poi potersi lamentare (“non arrivano mai questi scemi…”)
  • confondendo Antonio Conte con Carlo Conti, nota un conflitto di interessi (“come può allenare il festival di sanremo e contemporaneamente presentare la nazionale di calcio?”)
  • va da Maxim’s e ordina hamburger e Cocacola
  • entra in una discoteca dicendo di essere Ruud Gullit
  • investe i suoi risparmi in titoli di stato greci (“lo so,  i greci sembrano in difficoltà; ma una notte entreranno nella Banca Europea nascosti in un cavallo di legno fregandosi tutti i soldi”)
  • ricevendo una telefonata spaccamaroni (tipo “se lei cambia compagnia telefonica le regaliamo una batteria di pentole e una mountain-bike con reggisella placcato oro…”) si impegna in un’approfondita discussione sulla dialettica essere-divenire nei filosofi presocratici
  • compra un cane e ogni giorno lo chiama in modo diverso: l’altro ieri Nabucodonosor, ieri Precipitevolissimevolmente, oggi Neuroendocrinoimmunologia… domani il cane ha una seduta dal suo psichiatra
  • raccoglie firme per un referendum “volete sostituire l’euro con il gelato al pistacchio?”
  • consiglia ai dirigenti della RAI di piazzare potenti cariche di dinamite sotto il palcoscenico del teatro Ariston per ottenere un BOOM di ascolti
  • invita Schettino all’Università per spiegare agli studenti come si gestisce il panico… ah, dimenticavo, questo l’hanno già fatto…
Annunci
Published in: on febbraio 12, 2015 at 10:49 am  Lascia un commento  
Tags: , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2015/02/12/13-cose-che-giulio-verme-non-ha-fatto-ovvero-come-vivere-con-un-cervello-utilizzato-al-2-delle-sue-potenzialita/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: