Specchio, specchio dalla voce glaciale, chi è la PEGGIOR attrice internazionale? Prima di elencare le pretendenti al titolo, un attore molto versatile parlerà di sé…

Sono molto vecchio, sapete, ma non ho perso la speranza di ricevere un Oscar. Se c’è riuscito Plummer, che ha 2 anni più di me, perché io no?

Basta aver pazienza…

Se non vi annoio troppo, vi ricordo qualche mio personaggio.

  • Sono stato Napoleone (più volte), aiutato dal fatto di avere la statura giusta
  • Sono stato Re Lear, Polonio e Thénardier
  • Sono stato Giovanni Senzaterra, Goebbels, Himmler e Ben Gurion
  • Sono stato Vito Cornelius, monaco del XXIII secolo
  • Sono stato un androide e un hobbit
  • Ho studiato glaciazioni, allenato velocisti, e discettato sulle ghiandole mammarie di Jane Russell…

Ma basta parlare di me. Ho l’onore di elencare alcune “attrici” che i lettori di questo blog sono invitati a valutare in base alla ormai nota SCALA DI CAGNAGGINE

In ordine alfabetico

  1. ALBA JESSICA – Premiata col Razzie Award (Worst Supporting Actress) nel 2010 per THE KILLER INSIDE ME, VI PRESENTO I NOSTRI, MACHETE,  APPUNTAMENTO CON L’AMORE
  2. BELLUCCI MONICA – Non ha ancora ricevuto il Razzie (a Hollywood sono così miopi…), ma spero proprio che questa vergognosa lacuna sia presto colmata
  3. CICCONE VERONICA (nota come MADONNA) – Ben 7 volte premiata, 5 volte come Peggior Attrice Protagonista e 2 come Non Protagonista. Impossibile citare tutti i suoi capolavori (SHANGHAI SURPRISE, BODY OF EVIDENCE, TRAVOLTI DAL DESTINO…)
  4. DEREK BO – Questa grande attrice drammatica ha lasciato le scene all’apice del successo (come Greta Garbo), ma come dimenticare TARZAN L’UOMO SCIMMIA, BOLERO EXTASY, I FANTASMI NON POSSONO FARLO?    Premiata da 3 Razzie Awards.
  5. LOHAN LINDSAY – Esordisce come bimba acquaesapone per la Disney e partecipa a un filmone diretto da Altman; colleziona 2 Razzie in un film solo (IL NOME DEL MIO ASSASSINO); inoltre partecipa, mancando l’obiettivo per un soffio, al concorso per la peggior attrice del periodo 2000/2009. Sarà la peggiore di questo decennio?
  6. MOORE DEMI – Bravina in GHOST, decise di inseguire il Razzie Award con un impegno degno di miglior causa; sfiorò il premio con NIENT’ALTRO CHE GUAI, PROPOSTA INDECENTE e LA LETTERA SCARLATTA, centrando finalmente il bersaglio con IL GIURATO, STRIPTEASE e SOLDATO JANE.
  7. STEWART KRISTEN – Appena 23enne ha già un lusinghiero curriculum: nomination nel 2010 con il secondo episodio della Twilightdiarrea e nel 2011 con il terzo; nel 2012 il trionfo, con BIANCANEVE E IL CACCIATORE e con BREAKINGeccetera
  8. STONE SHARON 3 Razzie Awards per “quella che accavalla”: per TRAPPOLA D’AMORE (1994), per THE SPECIALIST e per BASIC INSTINCT 2 (2006); oltre a una nomination come Peggior Attrice Non Protagonista in CATWOMAN (2004).

Volete sapere cosa penso di queste “attrici”? Un’immagine dice più di molte parole…https://i0.wp.com/cdn.bmx-forum.com/6/67/900x900px-LL-67b63b9d_bilbo-bilbo-baggins-9578038-678-392.jpeg

Annunci

I TERRIBILI 5 (nel senso che peggiori di così non si può). Ma prima, con el permiso de la autoridad y si el tiempo no lo impide, alcune SMENTITE UFFICIALI

Prima di elencare i candidati al premio CHIAVICA D’ORO 2014, devo smentire quanto segue:

  • smentisco di aver chiesto la GRAZIA al presidente Napolitano in relazione alla multa inflittami per divieto di sosta in data 11 febbraio u. s. (io rispetto le decisioni della magistratura e pago le multe)
  • smentisco di essere quello che dà nomi danteschi alle ondate di calore; io sceglierei altri nomi (polenta e baccalà, salsiccia alla griglia, bucatini all’amatriciana, BAR-B-Q…)
  • smentisco di aver proposto di allargare il Canal Grande (demolendo ovviamente il ponte di Rialto) per permettere alle navi da crociera di arrivare alla stazione di S. Lucia e di adibire a maxi parcheggio piazza San Marco (lo ha proposto Alessandro Robecchi su IL FATTO QUOTIDIANO)
  • smentisco di aver visto il film TULPA: l’ha visto il mio amico imolese Lolli (che l’ha giudicato una fetenzia al quadrato; in base al suo parere e alla parodia di Stefano Disegni sull’ultimo numero di CIAK penso proprio che lo candiderò al PREMIO CHIAVICA per il peggior film italiano dell’anno)

Ciò premesso, ecco i 5 ORRIBILI come sono usciti dalla fase eliminatoria. Li elenco in ordine alfabetico e invito gli eventuali lettori di questo postaccio a valutare la loro cagnaggine in base alla ormai nota SCALA

  1. Boldi Massimo
  2. Calà Jerry
  3. Greggio Ezio
  4. Vaporidis Nicolas
  5. Volo Fabio

P. S. Checco Zalone, Alessandro Siani e Fabrizio Biggio hanno vivacemente protestato per non essere stati inseriti nella lista dei candidati al Premio. Ma non hanno ancora smerdat interpretato abbastanza film.

Problema. Tra il Lombardo e il Toscano chi è più cane?

Riassunto delle puntate precedenti. GREGGIO, VAPORIDIS e VOLO sono ammessi alla finale del PREMIO CHIAVICA ALLA CARRIERA.

Tra CALA’ e DE SICA è ancora incerto il ballottaggio.

Ma oggi si affrontano due cagnoni di notevole stazza. Chi passerà il turno?

  1. Sono personaggi televisivi che (ahinoi) sono approdati sul grande schermo. Forse ignorando che una gag che fa ridere il pubblico televisivo (abituato ad accontentarsi di poco) al cinema perde sapore.
  2. La loro comicità si basa prevalentemente sull’accento regionale. A un certo pubblico non piace la lingua italiana. Si preferisce il dialetto, la trivialità da paesello, lo sberleffo da bar sport (vammorìammazzato, mimportaunasega, vadaviaiciapp…)

Cominciamo dal Lombardo (è nato a Luino). Dopo aver imperversato per decenni nelle tv private ha arricchito il panorama cinematografico italiano con più di 50 filmuzzi (SCUOLA DI LADRI, MIA MOGLIE E’ UNA BESTIA, A SPASSO NEL TEMPO e innumerevoli cinepanettoni).

Che voto gli daremo, dal 10 (cagnaggine mostruosa) allo ZERO (in fondo in fondo è bravo)?boldi

L’antagonista è il Toscano (più precisamente, fiorentino). Anche lui divetto televisivo. Ha cercato di far ridere in una dozzina di film (da BAGNOMARIA, in cui ha diretto se stesso, a NATALE IN SUDAFRICA).

Sinceramente avrei potuto mettere Pieraccioni al suo posto, ma un filino di talento in più il Pieraccioni ce l’ha… e poi NON ha partecipato a quell’infamia di AMICI MIEI – COME TUTTO EBBE INIZIOgiorgio

LOTTA TRA TITANI (Ezio Greggio vs Luca Barbareschi): chi dei due è più cane?

Alla finale del PREMIO CHIAVICA parteciperanno FABIO VOLO e NICOLAS VAPORIDIS.

Tra JERRY CALA’ e CHRISTIAN DE SICA è ancora aperta la tenzone.

Un quarto finalista uscirà dalla coppia Greggio (7aprile1954) e Barbareschi (28luglio1956). Mi rendo conto che per narrare le loro imprese mi servirebbero la penna di Shakespeare, l’inchiostro dell’Ariosto e l’orinale di D’Annunzio, ma ci proverò lo stesso. Dopo le immagini.

ezioluab Mi chiamo Greggio, Ezio Greggio. Ho dapprima dedicato la mia creatività e il mio humour al mondo della tv, dove trovi centinaia di belle fighe pronte a dartela per una raccomandazione. Poi ho scoperto che detto fenomeno si verifica anche nell’ambito cinematografico… e mi ci sono fiondato.

Tra le perle della mia carriera vorrei citare (tra le tante) MIRACOLO ITALIANO (1994) e 2001 – A SPACE TRAVESTY (2000).

Non li avete visti? Peggio per voi!!!!

E sono anche un regista: la modestia (sono famoso nel mondo per la mia modestia) mi impedisce di elencare tutti i film che ho diretto… tranne l’ultimo, BOX OFFICE 3D – IL FILM DEI FILM presentato alla Mostra di Venezia.

In realtà, era solo uno scherzo. Ho voluto mandare un mostro alla Mostra!!! Divertente, vero?

My name is Barbareschi, Luca Barbareschi…. (so più parole inglesi di Greggio, ma non voglio strafare). Ho avuto momenti difficili: sono stato mangiato in CANNIBAL HOLOCAUST, fucilato in IN NOME DEL POPOLO SOVRANO e sputtanato da Sandro Bondi.

But (visto che so l’inglese?) I’m a director too (sono anch’io un regista, traduco per i non poliglotti) e ho diretto me stesso, che sono il mio attore preferito, ne IL TRASFORMISTA.

Last but not least sono anche un uomo politico (tié, Greggio!) e adesso, resosi vacante il posto di leader della destra MI AUTOCANDIDO. Perché no? Sono un attore eccelso e il discorsetto che quel guitto ha pronunciato l’altra sera io l’avrei interpretato dieci volte meglio.