I GUARDIANI DEL DESTINO

Film non eccelso, diretto (male) da G. Nolfi.

TRAMA ESSENZIALE. Lui (Matt Damon) è un uomo politico. Nonostante ciò è una persona per bene. Si innamora di Lei (Emily Blunt) ma saltano fuori i bravi di Don Rodrigo: “Questo matrimonio non s’ha da fare!”  (Scusate, mi sono confuso…)

Diciamo che saltano fuori dei simpaticoni (l’Ufficio Aggiustamenti), simpatici come quelli che ti portano via la macchina col carro attrezzi. “Tu sei destinato a diventare Presidente, ma quella lì non va bene. Devi mollarla!”

Lui invece no. Dice il saggio Confucio: “Tira più un pelo di Emily Blunt che cento impiegati dell’Ufficio Aggiustamenti” E tutto finisce bene.

Insomma, come film non vale un granché. Però stimola molte domande.

  • se questi GdD sono così bravi a prevedere e determinare la storia del mondo, perché hanno permesso che George Dabbliù Bush venisse eletto? e l’11 settembre 2001 erano impegnati in un torneo di briscola?
  • non potevano evitare che Lincoln venisse ucciso? che Moccia scrivesse TRE METRI SOPRA IL CIELO? che Povia vincesse a Sanremo?
  • Bisignani lavora per loro?
  • hanno avuto a che fare con Moggi?
  • non potevano scambiare le carte tra Mozart e Salieri, in modo che Mozart vivesse 75 anni e Salieri 35?
  • i GdD hanno qualcosa a che fare con l’estinzione dei dinosauri? con la caduta dell’Impero romano? con la fuga di Napoleone dall’isola d’Elba? con l’attentato di Sarajevo? con il crollo di Wall Street del ’29? con la separazione di George “no-martini-no-party” Clooney e di Elisabetta “headless” Canalis?


Published in: on giugno 23, 2011 at 2:33 pm  Comments (3)  
Tags: , , , , ,