NON ho voglia di scrivere una recensione su PIRATI DEI CARAIBI, oltre i confini del fumettone

In una sera di pioggia, la ballotta si riunì per vedere il primo film che c’era e poi tutti andarono in pizzeria.

Dunque… c’è questo pirata che viene preso prigioniero e portato al cospetto di Sua Maestà Giorgio II d’Inghilterra

…e qui lo spettatore comincia a chiedersi

  • perché questi pirati sono così simpatici?
  • perché gli inglesi con le loro parrucche e le uniformi rosse perfettamente stirate fanno sempre la figura dei PIRLA?
Provo a rispondere. 
Gli Stati Uniti Damerica sono nati proprio dalla rivolta contro un Regiorgio e quelle uniformi rosse.
Gli spettatori ammmericani (australiani, canadesi, sudafricani ecc) ci godono una cifra a vedere Jack Sparrow che ridicolizza la boria britannica e lo stesso Re nella prima mezzora di film…
Probabilmente gli sceneggiatori della Disney stanno già pensando a un sequel in cui i soliti Pirati dei Caraibi (ringiovaniti o addirittura resuscitati dalla Fontana della Giovinezza) si alleano con l’esercito di George Washington e con i francesi di La Fayette…
Tornando alla simpatia che ispirano Sparrow&co, avanzo un’altra ipotesi.
PIRATA VUOL DIRE LIBERTA’, non dover più sottostare al Dirigente, al capo dell’ufficiopersonale, all’amministratore del condominio ecc
In fondo anche noi ogni tanto sogniamo di essere spavaldi ribelli, un po’ Robin Hood un po’ Till Eulenspiegel. Anche se riconosciamo che Sparrow è un cialtrone (pensate a come tratta Angelica) e che un mondo di soli pirati sarebbe un po’ troppo incasinato NON RIUSCIAMO A NON FARE IL TIFO PER LUI
Comunque, non voglio recensire questo polpettone (l’avevo già detto nel titolo), che assomiglia più ai tanti fumetti che Disney ci ha propinato negli ultimi 80 anni che alle VERE avventure dei pirati, in cui torture cannonate e stupri erano crudelmente realistici.
Qui è roba da bambini, roba fasulla come la Bandiera Nera sulla cima del Castello-logo della Disney.

Postilla assolutamente irrilevante. Se vi sembra di aver già visto la faccia dell’attore che interpreta quel tronfio pancione del Re, vi do un paio di dritte

  1. Immaginatelo con un cilindro in testa nel Caius College di Cambridge (Chariots of Fire, 1881)
  2. Andate a Privet Drive 4 (Surrey) e chiedete di Vernon Dursley
Fine della postilla assolutamente irrilevante
Annunci
Published in: on giugno 10, 2011 at 7:27 pm  Comments (3)  
Tags: , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2011/06/10/non-ho-voglia-di-scrivere-una-recensione-su-pirati-dei-caraibi-oltre-i-confini-del-fumettone/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. Viva Paperino!!!

    Grazie mille per il commento, CIAO!!!

    Mi piace

  2. Avanzerei anche un’altra ipotesi: trattasi di una serie di film originata da una giostra (o come definirla?) di un parco di divertimenti. Dunque i pirati non possono che essere simpatici, perché sennò i bimbi sulla suddetta giostra non ci vogliono più andare.

    Mi piace

    • infatti!!!!!!
      è un’attrazione in più del mondo DISNEY
      una volta bastavano Topolino e Minnie, adesso le attrazioni hanno il volto di Depp e della Cruz (assolutamente sprecata, tra parentesi); l’importante è che i visitatori paghino il biglietto

      Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: