QUARTO POTERE (citizen Kane)

Orson Welles aveva solo 25 anni quando realizzò questo film, ritenuto da molti insuperato capolavoro.

Chi lo vede (per la prima o per l’ennesima volta) resta affascinato da questo dramma, tra Re Lear e Riccardo III. Chi si diletta di sintassi filmica, resta sbalordito dai movimenti di macchina. E’ straordinario che un regista giovanissimo, quasi esordiente, inventasse certe soluzioni visive.

Per fare un esempio, in una delle prime scene la macchina da presa inquadra l’interno di una casa; ma una finestra è aperta e lascia vedere un ragazzino che gioca nella neve, mentre all’interno si parla di lui e del suo destino. Quel ragazzino si chiama Charles Foster Kane.

Nel resto del film verremo a conoscenza di tantissime cose di Kane, della sua tumultuosa vita, delle sue donne, delle sue molte amarezze e dei suoi trionfi. Ma i suoi biografi non sapranno mai una cosa: chi è Rosebud (“bocciolo di rosa”, nell’edizione italiana “Rosabella”), il cui nome il vecchio Kane, prossimo a morire, pronuncia.

Un’intera squadra di giornalisti cercherà invano di saperlo. Lo sapranno solo gli spettatori del film, nell’ultima scena (allego il video).

Poi, come nel Gattopardo, tutto finisce in cenere e fumo.

Annunci
Published in: on agosto 30, 2010 at 9:01 am  Comments (5)  
Tags: , , , ,

i film “seri”

Ho parlato finora di film “leggeri” dove tutto è sdrammatizzato.

Elenco ora 8 esempi del cinema “serio” dove il DRAMMA è, al contrario, enfatizzato.

Dove lo spettatore è inchiodato alla poltrona da scene intensamente drammatiche: il paletto che Mina Murray deve piantare nel cuore del conte, le urla di Marion Crane accoltellata sotto la doccia, l’aereo che sta per partire per Lisbona e su cui Ilsa Lund non sa se salire o no, ecc ecc ecc.

Ho scelto questi 8 per esigenze poste dal torneo di Gegio

http://torneodeifilm.blogspot.com/

Ho lasciato fuori, a malincuore, OMBRE ROSSE e QUALCUNO VOLO’ SUL NIDO DEL CUCULO che avrei inserito se lo spazio fosse stato di 10 titoli.

Ecco quindi le mie nomination

  • QUARTO POTERE (Orson Welles, 1941)
  • CASABLANCA (Michael Curtiz, 1942)
  • PSYCHO (Alfred Hitchcock, 1960)
  • L’UOMO CHE UCCISE LIBERTY VALANCE (John Ford, 1961)
  • UN UOMO PER TUTTE LE STAGIONI (F Zinnemann, 1966)
  • BARRY LINDON (Stanley Kubrick, 1975)
  • APOCALYPSE NOW (Francis Ford Coppola, 1979)
  • DRACULA (Francis Ford Coppola, 1992)

Dedicherò un post a ciascuno di questi capolavori. Per CASABLANCA non occorre che lo faccia perché l’ho già fatto

https://ilbibliofilo.wordpress.com/2009/05/20/casablanca-il-mito/

https://ilbibliofilo.wordpress.com/2009/05/23/ancora-su-casablanca/

Voglio solo ribadire che, nonostante i suoi difetti (a cominciare dal personaggio di Laszlo), CASABLANCA è sempre un mito. Retorico, ingenuo (gli Americani avevano un’idea alquanto naif della resistenza) ma sempre affascinante.

Oggi (qualcuno lo ha già fatto notare) un soggetto del genere verrebbe scartato subito.

Ve l’immaginate il produttore che legge lo script?

“NIENTE SESSO??? POCHI MORTI??? PERSONAGGI CHE SI FANNO ISPIRARE DALL’IDEALISMO, DALL’ALTRUISMO????”

Direttamente nel cestino…

CHICAGO, film del 2002

Si può definire “commedia grottesca” CHICAGO, un film dove una storia realistica (un processo per omicidio) si intreccia con la sua trasfigurazione come commedia musicale.

Se lo avete visto (e vorrei lo aveste visto tutti) avete capito già tutto e sapete che alcuni critici hanno citato Brecht e la sua OPERA DA TRE SOLDI.

Se non lo avete mai visto, accludo un video (non è il massimo, ma non ho trovato di meglio) in cui la conferenza stampa di Rosie e del suo volpesco avvocato (R. Zellweger e R. Gere) si trasforma in uno show di marionette.

Altri “numeri” trasfigurano il venale avvocato (“se Gesù Cristo avesse avuto 5.000 dollari e fosse venuto da me, le cose sarebbero andate diversamente”) in un romanticone che “fa tutto per amore, solo per amore” e l’impiccagione di “Hunyak” Halenski in uno spettacolo di illusionismo. Lo stesso avviene per la carceriera “Mama” Morton, per “Cellophane man” ecc.

Moralmente parlando, è il trionfo del cinismo. La giustizia (solo nello stato dell’Illinois?) è un’illusione, tu puoi compiere ogni crimine MA LA FARAI FRANCA se hai un buon avvocato.

Al contrario, l’unica ad essere impiccata è (forse) innocente, ma ha due gravi difetti

  • non ha soldi e amicizie per assoldare Billy Flynn
  • non sa una parola d’inglese (a parte un disperato “no guilty”) e non può farsi capire

Ma questo non è un post moralista. Voglio solo sostenere che CHICAGO è un film affascinante, veramente affascinante, e lo propongo per il torneo

http://torneodeifilm.blogspot.com/

Published in: on agosto 24, 2010 at 7:57 am  Comments (2)  
Tags: , , , , ,

quando la morte (degli altri) FA RIDERE

Si chiama COMMEDIA il contesto “leggero” in cui tutto viene SDRAMMATIZZATO.

Anche la morte.

Qualche esempio:

  • ho già citato RADIO AMERICA (nel post precedente): la Donna Pericolosa (quella che “conduce le anime a Dio”) avverte iettatoriamente il Cacciatore di teste “stia attento a quella curva: è molto pericolosa!”; è di fatto una condanna a morte; il pubblico lo sa e ride (posso testimoniarlo anche in tribunale, avendo visto il film due volte)
  • ancora più fragorose le risate che accompagnano la morte del mago Splendini (Woody Allen) in SCOOP; Splendini aveva profetizzato che sarebbe morto per via del “modo sbagliato” di guidare nel Regno Unito… e infatti esce di campo con la sua Smart e BOOOM!!! gli spettatori ridono di gusto
  • in SUA MAESTA’ VIENE DA LAS VEGAS (King Ralph, di cui allego il trailer) l’intera famiglia reale britannica (compresi i rami collaterali) è annientata da un corto circuito; il pubblico in sala ride
  • in HAPPY FAMILY la moglie di uno dei protagonisti scende dall’auto e viene spazzata via da un camion; il pubblico ride; una scena quasi identica nel film IL RICCIO (Renée, la portiera letterata, viene uccisa da un furgone mentre attraversa la strada) provoca negli spettatori ben altra emozione

Ripeto, è una questione di contesto. Nel RICCIO, storia realistica di un amore troppo bello per durare, la morte della protagonista ci rattrista (e come ci rattrista!) perchè spezza una poetica illusione. Poteva essere felice e invece…

Al contrario, tutto si sdrammatizza in una comedy in cui la voce narrante ci informa che “il mio nome è Noir, Guy Noir… ho accettato 6 anni fa un lavoro provvisorio a causa di un problema di liquidità dovuto alla eccezionale penuria di ereditiere svanite nel nulla e di magnati trovati morti in un solarium con tracce di rossetto sullo smoking…”

Published in: on agosto 20, 2010 at 11:36 am  Comments (5)  
Tags: , , ,

RADIO AMERICA (a prairie home companion)

Ultimo film di Robert Altman (1925-2006) che ci ha regalato, salutando la vita, questo affresco agrodolce in cui la morte è sempre presente, ma è accolta serenamente.

TRAMA. Da un teatro del Minnesota tutti i sabati sera una radio privata trasmette in diretta uno spettacolo musicale. La radio è stata acquistata da una grande corporation. Questo sarà l’ultimo spettacolo, ma si fa finta di non pensarci. Uno dei cantanti muore d’infarto nel suo camerino e due cowboy lo celebreranno a modo loro con uno sketch pieno di battutacce goliardiche. Mentre arriva dal Texas il “tagliatore di teste” (annunciando che il teatro sarà demolito per fare spazio a un parcheggio) tra le quinte cammina una biondona: è Asfodelo, l’angelo della morte, e il suo compito è “portare le anime a Dio”. Porterà anche quella del tagliatore di teste.

Tra gli attori, uno più bravo dall’altro, segnalo

  • Kevin Kline; è un detective pasticcione e goffo, parodia del Bogart nel “Falcone maltese” ; ci prova con Asfodelo, coprendosi di ridicolo.
  • Linsday Lohan (allora 20enne); improvvisa, non ricordando le parole, sul tema di “Frankie & Johnny” (un classico del genere country) e scrive poesie dark
  • John C. Reilly, uno dei cowboy; canta ed esegue un pregevole assolo alla chitarra; un altro assolo lo produce con una parte del corpo che Dante chiamava culo.

Per finire, vorrei spiegare perchè viene classificata “comedy” una storia in cui si parla tanto di morte. Ma il tema è complesso: ne parlerà il prossimo post.

Published in: on agosto 18, 2010 at 7:13 pm  Comments (3)  
Tags: , , , ,

A QUALCUNO PIACE CALDO

Film diretto da Billy Wilder nel 1959. Titolo originale SOME LIKE IT HOT.

Per i pochi che non la conoscono, riassumo la TRAMA. Joe (Tony Curtis) e Jerry (Jack Lemmon) assistono involontariamente alla strage di San Valentino (14 febbr 1929). Inseguiti dai gangsters, si nascondono (travestiti da donne) in un’orchestrina jazz femminile. Joe seduce la cantante Sugar (Marilyn Monroe) fingendosi miliardario e impotente. Jerry (vestito da donna) è concupito da un vecchio satiro che alla fine salva tutti nel suo yacht. “Guarda, sono un uomo!” gli grida Jerry alla fine, togliendosi la parrucca. “Nessuno è perfetto…” è la battuta conclusiva.

Dire che questo film (pieno di battute scoppiettanti e di bella musica) è un capolavoro della commedia americana è come dire che in Sicilia c’è qualche mafioso. A quanto pare non sono il solo a pensarlo, visto che A QUALCUNOecc è citato come #1 della categoria anche da altri partecipanti al torneo di Gegio

http://torneodeifilm.blogspot.com/

Voglio solo aggiungere che ascoltare la versione originale nel DVD aggiunge piacere al piacere: ad esempio, si ammira Curtis nella sua imitazione di C. Grant e si impara che l’impresario Poliakoff appartiene alla cultura yiddish.

E quando si sente Marilyn pronunciare la battuta “la ciliegia col baco tocca sempre a me!” non si può non pensare che le restavano meno di 3 anni da vivere.

Ultima osservazione: ci vuole un pallottoliere per contare i cadaveri. Tra la banda di Stecchino e quella di Ghette sono almeno 12.

Ma nelle commedie anche i morti fanno ridere.

 

Published in: on agosto 17, 2010 at 4:55 pm  Comments (5)  
Tags: , , ,

il Torneo dei film

Torno ad occuparmi di cinema. L’occasione non viene dai filmi in programmazione (a parte TOY STORY 3 non ho visto niente di recente che meritasse una recensione) ma dal Torneo proposto da Gegio.

http://torneodeifilm.blogspot.com/

Per cominciare, si richiedono delle nominations: elencare i migliori film di tutti i tempi, divisi per categorie (e i migliori registi, attrici ecc)

Nella categoria “brillante” (commedia, comico, grottesco, musicale) ho segnalato

  • A QUALCUNO PIACE CALDO (Billy Wilder, 1959)
  • SINGING IN THE RAIN (Cantando sotto la pioggia, Stanley Donen e Gene Kelly, 1952)
  • CHICAGO (Rob Marshall, 2002)
  • RADIO AMERICA (Robert Altman, 2006)

Vedremo alla fine chi vincerà il torneo. Oggi dirò qualcosa su CANTANDO SOTTO LA PIOGGIA. La settimana prossima mi occuperò degli altri.

Film eccellente, a giudizio unanime, ben recitato e ben cantato. Per un’antologia di pareri, consiglio di leggere http://cinemaleo.wordpress.com/2009/06/07/cantando-sotto-la-pioggia/

La trama, che ho raccontato già in https://ilbibliofilo.wordpress.com/2009/o2/07/im-singin-in-the-rain/

non è solo un pretesto per una serie di belle canzoni e di balletti spettacolari.

Nella prima parte del film si rievocano (un po’ scherzando, un po’ sul serio) i drammi provocati dal cinema sonoro. Attrici e attori (che erano famosi solo perchè avevano un bel faccino) dovettero imparare a recitare davvero e alcune/i non ci riuscirono mai.

Di una di loro (la “cattiva” Lina Lamont) si dice che “non sa recitare, non sa cantare, non sa ballare: un campione di versatilità!”

E, in conclusione, guardatevi questo numero. Non ci sono effetti speciali: Gene Kelly e Donald O’ Connor erano due veri acrobati!!!

Published in: on agosto 12, 2010 at 12:49 pm  Comments (7)  
Tags: , , ,

I DIALOGHI DEGLI AMANTI, di F. Alberoni

Francesco Alberoni è un affermato sociologo e mi è simpatico (ci ho fatto anche un esame, nel millennio scorso), ma la letteratura non fa per lui. Questo è un MALRIUSCITO (davvero malriuscito) romanzo di fantascienza travestito da dialogo filosofico (non c’è un narratore, come in certi libri di A. Nothomb)

Perché dico FANTASCIENZA?

  1. anzitutto è ambientato in un futuro imprecisato (100, 150 anni?) in cui la società sarà trasformata radicalmente dall’ingegneria genetica: individui programmati prima di nascere (sesso colore degli occhi altezza e soprattutto orientamento sessuale), sparizione dei ruoli parentali (a malapena sai chi ti ha partorito, sarai educato dal clan di lesbiche o di eterosessuali che ti controllerà fino ai 30 anni) e se vuoi passare una serata allegra senza complicazioni, esistono delle robottine giapponesi che fanno tutto loro…
  2. ma soprattutto i 2 protagonisti dialoganti e scopanti SONO TROPPO PERFETTI PER ESSERE VERI; talmente affiatati da raccontarsi le rispettive imprese letterecce (così si eccitano meglio), capaci di prestazioni olimpioniche in fatto di orgasmi multipli (non si stancano mai) su letti faraonici (sono ricchissimi); mai una lite, mai un’incomprensione, mai una cilecca. Finché…

Come va a finire ve lo racconto tra 25 righe. Prima descrivo i 2 amanti.

LEI si chiama Sakùntala (la madre si chiama Fatima, il padre boh?) è bassa di statura (ciò facilita alcune posizioni del Kamasutra) e con seni “rigogliosi”. Cresciuta nel clan lesbico delle Oristal, è fuggita a 18 anni. Resta incerta tra etero e omosessualità, finché tale Hossein a Damasco la convince da che parte stare. E’ un tipo romantico: fa sesso e si innamora con la stessa intensità. Dopo molti anni e molti uomini incontra LUI.

LUI si chiama Rogan. Se era stato programmato omosessuale, qualcuno ha sbagliato qualcosa: negli anni del college scopre di essere “ipersessuale”. Prima in una “sexycooperativa” (una specie di bordello) poi a Princeton dimostra energie illimitate: “cercavo il sesso, il successo sessuale, ogni donna era un assedio, una città da espugnare; non amavo le donne, volevo solo conquistarle, avevo solo una meta SCOPARLE, SCOPARNE IL PIU’ POSSIBILE; non c’era posto per l’emozione, per l’abbandono, non riuscivo nemmeno a vederne la bellezza…”.

I due si incontrano, si innamorano (amore totale, appassionato, reciproco, ecc) e intrecciano le loro vite in modo indissolubile.amanti

Ma siccome in qualche modo bisognava concludere, Alberoni conclude il dialogo in un letto di ospedale. Hanno sparato a Rogan (chi sia stato non si sa: forse quelli della mala, forse la pubblicità…) che però non sta mai zitto: devono operarlo e togliergli un numero imprecisato di pallottole, ma deve descrivere a Lei che l’attentato è avvenuto al numero tale di Lexington Avenue, ecc

E Lei, invece di dirgli di non stancarsi, continua a ripetergli che lo ama, lo ama, lo ama alla follia…

“Saky…” e finalmente tace. Come sia andata l’operazione non lo so e, francamente, non me ne importa una cippa.

ACCIAIO, romanzo

“Occhi nocciola screziati di giallo…” (breve pausa per immaginare il colore di questi occhi e poi prosegue la descrizione di Mattia, lo sciupafemmine in oggetto) “…lentamente realizzava quanto quel ragazzo fosse bello. Forte e adulto e sicuro di sé; il volto bruno con la mascella squadrata e gli zigomi, sembrava scolpito nel marmo. Aveva qualcosa di prepotente negli occhi. E qualcosa di invitante nelle labbra un po’ femminili… doveva essere alto quasi un metro e novanta…”

Siamo dalle parti di Liala e di Rosamunde Pilcher. La differenza sta nel fatto che la storia non si svolge in un castello del Galles o in una villa a Tremezzo, ma in un quartiere di Piombino. E i personaggi non sono lord, baronetti o elegantissimi ufficiali… ma famiglie operaie (più o meno disastrate) e balordi da barsport, all’ombra dell’altoforno ILVA (un moloch che costringe a ritmi di lavoro disumani e alla fine richiederà anche sacrifici umani).

A parte l’acciaieria, le protagoniste si chiamano Anna e Francesca. Francesca ha tendenze autodistruttive e schifa gli uomini. Anna al contrario si concede a Mattia (vedi sopra) nel giorno del suo 14esimo compleanno (per la storia, è il 22 agosto 2001).

Francesca rompe con Anna e sceglie la carriera di lapdancer. A deflorarla ci penserà l’impresario di uno squallido night. Alla fine (dopo gli attentati dell’11 settembre, la morte del fratello di Anna e altre tragedie) faranno la pace e andranno in gita al mare, come nei film di Virzì.

Tutto sommato, il romanzo si lascia leggere, anche se non abbondano le risate…

Personaggi positivi? Almeno uno l’ho trovato (a pag. 163). E’ un insegnante di religione che brontola “Cosa diamo a questi ragazzi? Cosa gli insegnamo? Non hanno niente! Non pensano più a niente! Si drogano e basta… Era quasi meglio quando c’era il Partito comunista!”

Immagino che questo prof sia un personaggio reale: Silvia Avallone (scrittrice a cui auguro ogni possibile felicità) nel 2001 aveva 17 anni e frequentava un liceo a Piombino.

Published in: on agosto 2, 2010 at 12:25 pm  Comments (6)  
Tags: , ,