quiz (cinefilo) in arrivo…

Come ho spiegato nel fragolablog, il gioco didattico BOOKLAND avrebbe potuto essere un MOVIELAND; ma era un progetto irrealizzabile. Almeno così si verificò negli anni Novanta.

http://un-paio-di-uova-fritte.blog.kataweb.it/2010/04/06/perche-bookland-si-e-movieland-no/

Lunedì proverò a esemplificare con un esempio concreto come AVEVO PENSATO questa gara tra cinefili.

Darò un primo indizio sul titolo da indovinare.

Poi seguiranno altri “aiutini” che aggiungerò ogni 24 ore.

Nell’ipotesi di lavoro del 1994 (poi scartata) era prevista la partecipazione dei docenti, accanto agli alunni.

Affascinante, ma pericolosa ipotesi. Conosco docenti talmente poco contente/contenti di perdere… e davanti ai loro alunni per di più!!!

Ma stavolta il quiz è riservato ai maggiorenni, cosa che mi permetterà di proporre titoli non proprio da bambini.

Published in: on aprile 7, 2010 at 2:51 pm  Comments (7)  
Tags:

due commedie all’inizio della primavera

Ho preannunciato la recensione di HAPPY FAMILY il 27/3 e oggi, vista l’ultima fatica (?) di Carlo Vanzina (LA VITA E’ MERAVIGLIOSA), metto insieme le due commedie. Due piccioni con un post.

Cominciamo dal pirandelliano HAPPY FAMILY.

Un milanese (Fabio de Luigi) sta scrivendo la sceneggiatura di un film. Dev’essere un film d’Autore… che però incassi!” ammicca, rivolto agli spettatori. Immagina 8 personaggi divisi in 2 famiglie, intreccia i loro destini (e loro si rivolgono a lui, protestando perchè non hanno abbastanza rilievo né battute significative) e si innamora di una di loro, giovane pianista.

Alla fine spegne il suo computer, ribadendo che tutto quello che gli spettatori hanno visto è unicamente frutto della sua fantasia.

C’è una sorpresina finale (che questa volta non vi rivelo, tanto è prevedibile).

Complessivamente gradevole il film di Salvatores, anche se qualche personaggio è decisamente inutile (la nonna, ad esempio); ma gli attori (di testro o di cinema) devono pur campare.

Nel caso di LA VITA E’ MERAVIGLIOSA è inutile lo stesso film!

Due grandi attori (Gigi Proietti e Salemme) sprecati in una storia banale.

Molte situazioni sono state straviste e strariviste: il Direttore che si finge poveraccio, il cameriere che (al contrario) ha fatto credere alla sua famiglia di essere un riccone, il famoso chirurgo che non sopporta più il clima corrotto della megaclinica e va a lavorare in Africa… (anche ‘sta cosa dell’Africa è gia vista: nell’ultimo film di Verdone).

L’idea originale (sprecata anche quella) era il poliziotto che passa le sue giornate ad ascoltare le telefonate degli altri, come in LE VITE DEGLI ALTRI. Ma Enrico Brignano non è Ulrich Muhe: damme retta Brignà, torna a Zelig che è il posto tuo!

Colpa del regista: invece di approfondire il personaggio, lo ha appesantito con un’inutilissima storia d’amore con una morettona incapace di recitare. E’ quella di “Antò, ffa caldo!”: altre due braccia rubate all’agricoltura.

Comunque qualcosa di buono c’è. Anzitutto esemplificare che le intercettazioni telefoniche sono utilissime contro i mascalzoni (altroché “violazione della privacy”) e poi com’è bello vedere i detti mascalzoni portati via in manette!

E finisco qui, con l’auspicio che, prima o poi, queste scene avvengano anche nella realtà.

Luci della città, Quarto potere e Zabriskie point (qualcuno li ha criticati: ma pensa te…)

A conferma di quanto detto nei post precedenti, verifico che nessun film vede i critici totalmente unanimi. C’è sempre qualcuno che storce il naso.

Cominciamo da Zabriskie point (Antonioni, 1970).

Tullio Kezich (ancora lui!) disse che “la saldatura tra l’osservazione sociologica e la trasfigurazione fantastica non avviene: il film si sviluppa su 2 piani, imbarazzanti l’uno per l’altro… banalità priva d’immediata pregnanza… approssimativo…”

Alberto Moravia: “trama esile e inverosimile, scarsa indagine psicologica…”

Morando Morandini: “è il film di un provinciale che punta al grandioso…”

Gian Luigi Rondi: “delusione…aperta perplessità…”

D’altra parte Grazzini (sul Corriere della sera) parlò di “un film bellissimo, affascinante… Antonioni rinnova il suo linguaggio, rinfresca la sua ispirazione… riaccende l’entusiasmo…”

Punto e a capo. Citizen Kane (Welles 1941).

Se da una parte J. L. Borges scrisse che Welles “non è intelligente, è geniale!”, J. P. Sartre stroncò questo film che è QUASI unanimemente considerato il capolavoro tra i capolavori.

Ma bisogna capirlo, il povero Sartre: si era messo in testa (ahilui!) che l’URSS fosse il paradiso sulla terra e quindi un film americano DOVEVA a priori essere “barocco, irreale, ridondante…”

Infine, City lights (Chaplin, 1931) che, secondo me, è il più riuscito dei film di Charlie Chaplin.

Anche qui non sono mancate le critiche nella blogsfera.

Uno che si firma “mm40” scrive che “è inevitabile ridere della semplicità con cui si snoda la trama e di quanto siano grossolani personaggi e situazioni…”

Una che si firma “mariuccia” ha scritto “che pena!!!!”

Ma il mondo è bello perchè è vario. Ogni blogger cinefilo (lo ripeto per l’ultima volta, poi prometto di non annoiarvi più) ha i suoi idoli e i suoi tic.

P.S. elenco alcuni blog interessanti

http://laboratorionapoletano.blogspot.com/

http://iltorneodeglioscar.blogspot.com/

http://cinemaleo.wordpress.com/

http://cinemelma.blogspot.com/

E altri ne citerò. Hasta luego!

 

Published in: on aprile 2, 2010 at 10:34 pm  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , ,