Meryl Streep

L’avevo apprezzata in Julie&Julia e ieri sono andato a vederla al Medica in un filmotto (vi dirò poi il titolo, se proprio volete).

Per rifarmi la bocca ho tirato fuori un DVD dalla mia raccolta.

LA MIA AFRICA, diretto da Sydney Pollack nel 1985. Lì la Streep aveva 35 anni e combatteva a frustate con i leoni (ammaestrati) e contro ogni genere di avversità (pregiudizi, crisi economica, la sifilide che l’infedelissimo marito le aveva attaccato…).

Insomma era una leonessa in un film grandioso (credetemi sulla parola, se non l’avete visto; se l’avete visto, lo sapete già) premiato da 7 Oscar: miglior film, miglior regia, miglior fotografia, miglior colonna sonora ecc.

Cosa posso dire di Meryl che non sia stato detto? SA FARE BENE TUTTO,sia le parti drammatiche (Kramer contro Kramer, Sophie’s choice, La donna del tenente francese, Cartoline dall’inferno, Doubt…) come quelle brillanti (She-devil, La morte ti fa bella, Prime, Il diavolo veste Prada, Mamma mia!…).

Stavolta è inciampata in questo dolciastro E’ complicato, una commedia riuscita solo a metà, dove tutti sono ricchi e ben nutriti (Alec Baldwin è molto nutrito) e guidano Porsche Carrera e suv Toyota.

Comunque il film resta a galla, unicamente per la bravura di Meryl. La storia (come ha detto Natalia Aspesi) è di pura fantascienza: una sessantenne non solo è corteggiata da due uomini, uno più affascinante (e ricco) dell’altro, ma ha tre figli (belli e intelligenti) che la stimano e la coccolano. Persino lo psicanalista la tratta bene…

Ma nelle commedie sofisticate è possibile questo ed altro. Succedeva ai tempi di Katherine Hepburn (non vi sembri un sacrilegio questo accostamento) può succedere anche oggi.

Al cinema.

Annunci
Published in: on marzo 21, 2010 at 6:47 pm  Comments (7)  
Tags: , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2010/03/21/meryl-streep/trackback/

RSS feed for comments on this post.

7 commentiLascia un commento

  1. Sto finendo proprio ora di scrivere la recensione sul mio blog a questa commedia leggera e divertente. Lei è sempre eccezionale ed unica… il resto magari lascia un po’ il tempo che trova 😉

    Mi piace

    • leggerò con molta attenzione la tua rece
      salutami Napoli

      Mi piace

  2. l’ho adorata in Julia and Julia. E non farla apparire nel finale e’ stato un ottimo tocco. Film che definiscono in inglese ‘feel good movie’, di buonissima fattura e direi, fragranza, visto che ho un debole per quasi tutti i film che implicano cucinare e mangiare con goshto: Big Night, la Grande Abbuffata, La Finestra Sul Cortile (se non sbaglio..), Kung Fu Kitchen ed altri. Un occhio al goshtoso http://www.expatcucina.com per chi in inglese vuol leggere come una ragazza brillante italiana fa della sua passione una piattaforma per cucinare italiano step by step..da Shanghai.

    Mi piace

    • grazie del brillante commento e BON APPETIT
      salutami Shanghai

      Mi piace

      • he he.. te la salutero’ quando ci ritorno! Per ora sono stabile a Pechino, dove il film Confucio ha dato il peggio di se’ per lunghezza, imprecisione storica, ridondanza e propaganda. Buon risveglio!

        Mi piace

  3. Bellissimo post…

    Grazie mille per il commento, CIAO!!! 😀

    Mi piace

  4. stupendo post sopratutto xkè si elogia la divina meryl streep ….anke se ….è complicato sicuramente aumenta valore xkè c’è la streep ma non è una commedia così orribile…. ciao…
    i love you meryl….

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: