VENEZIA, la biennale di

Nonostante il clima più che umido siamo andati all’Arsenale per la Biennale.
Non ero mai stato all’Arsenale e ora capisco cosa mi sono perso.

Per chi non c’è ancora stato, do qualche dritta per arrivarci.

Siete in Piazza San Marco? Bene. Procedete in direzione est per Riva degli Schiavoni, Riva di Ca’ di Dio e Campo della Tana (c’è una buona pizzeria): vi troverete davanti un enorme edificio settecentesco, per meglio dire un labirinto di edifici, uno grandissimo e altri minori. Questa era il cuore della potente marina veneziana, qui erano costruite e riparate le navi e fucinati i cannoni che vi erano imbarcati.

Ora è uno spazio museale.

Ospita negli anni dispari l’Esposizione internazionale d’Arte e in quelli pari la Mostra internazionale d’Architettura.

Alla domanda cosa sia un’OPERA D’ARTE nel nostro tempo, rispondo che le categorie tradizionali di “pittura”, “scultura”, “cinematografia” ecc sono spesso miscelate in modo incredibile.

Ad esempio, nel VILLAGGIO AFRICANO Pascale Marthine Tayou (Camerun) ha costruito (in uno spazio equivalente a un campo di basket) capanne e negozi stilizzati, sui muri dei quali sono proiettati coloratissimi cortometraggi sulla vita quotidiana della gente umile. 

Altri autori che mi hanno impressionato.

Lo svedese Jan Hafstrom ha realizzato un collage di immagini di oltre 200 metri quadrati con personaggi della cultura pop degli anni sessanta.

Gonkar Gyatso, tibetano in esilio, presenta due grandi collages (non così grandi come lo svedese) dedicati alla cultura del suo popolo. L’insieme è sorprendente per la sua armonia. Guardandolo da vicino si scoprono dettagli satirici: ad es, ha disegnato un podio olimpico con 3 soldati (le armi sono visibilmente made-in-china) del Sudan (medaglia d’oro), della Birmania (argento) e della Nordcorea (bronzo).

Infine, tra gli italiani, ho ammirato l’opera di Grazia Toderi. Due grandi schermi pendono dal soffitto. Misteriosi punti luminosi sorvolano le vedute aeree di sconfinate megalopoli (vedi immagine).

Mi torna in mente la sequenza iniziale di Blade Runner.

Mi fermo qui. Non sono un competente in materia e non pretendo di valutare chi siano i migliori. Ognuno ha i suoi gusti.

Vi consiglio solo di visitare la Biennale. E’ aperta fino al 22 novembre.

 

 

Annunci

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2009/11/03/venezia-la-biennale-di/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. tu pensa che di quell’ opera ho apprezzato solo il labirinto di tela colorato!

    Mi piace

  2. La Biennale continua ad essere uno dei pochi motivi di vanto della cultura in Italia: durante tutti questi anni, e tutti questi (mal-)governi, ha continuato a rappresentare un appuntamento imprescindibile a livello internazionale.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: