UP: un capolavoro?

Avevo promesso di spiegare perché mi è piaciuto tanto l’ultimo film griffato PIXAR.
Ammesso che a qualcuno interessi, mantengo la promessa.

I colori, innanzi tutto. Dai palloncini che sollevano e trasportano nella giungla venezuelana la casa di Carl, alla giungla stessa, al piumaggio del superstruzzo Kevin, alle decorazioni policrome del boyscout comesichiama…

E la musica, epica sentimentale drammatica a-seconda-dei-casi. Veramente bella.

Ah, dimenticavo la trama (per i pochi che non la conoscano già). NEI PRIMI 15 MINUTI una storia realistica: un imbranatello con la fissa delle avventure alla Giulio Verne incontra una ragazza (più sveglia di lui) con la stessa passione; si sposano, desiderano (invano) di avere figli, invecchiano, lei muore serenamente, lui resta solo e malinconico in una casetta di legno in mezzo ai palazzoni (e gli ingenieri del cantiere non vedono l’ora di buttare giù tutto) con la mestissima prospettiva di finire in una casa di riposo…

(a me bastano questi 15 minuti per applaudire)

E poi inizia la favola, per la gioia dei ragazzini: la casa si solleva nel cielo, arriva in luoghi fiabeschi, avventure a non finire tra cattivi cani parlanti, un misterioso dirigibile e un coloratissimo struzzo gigante. Tutto finisce bene e Carl (il protagonista) ha trovato un figlio adottivo nel coraggiosissimo (ma un po’ tonto) Russell, un boyscout dalle fattezze nippocoreane (il mercato ha le sue esigenze).

Nell’insieme il film piace a vecchietti e giovani. Forse per la sua assoluta irrealtà dispiace all’età di mezzo, ma credetemi: se lo andate a vedere non rimpiangerete i soldi.

Per finire, due osservazioni.

  1. A un certo punto Carl deve inseguire i cattivoni che hanno rapito Russell e trasforma la sua casetta in un veliero BUTTANDO VIA TUTTI I MOBILI, LA TV E IL FRIGO. Ci si può vedere un’allegoria anticonsumista: SE VUOI DIVENTARE UN EROE, o almeno dimostrare che hai le palle RINUNCIA AI TUOI LUSSI DA PICCOLO BORGHESE, soprattutto rinuncia alla TV.
  2. I famosi occhialini 3D non aggiungono granché allo spettacolo. Posso dirlo perchè ho visto il film 2 volte, con e senza.
Annunci
Published in: on ottobre 31, 2009 at 5:00 pm  Comments (2)  
Tags: , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2009/10/31/up-un-capolavoro/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. davvero commovente, anzi è in tealtà un film triste, non una storia allegra per bambini
    proprio come Coraline è una storia horror e non un film per ragazzi

    Mi piace

  2. […] UP – recensito qui […]

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: