che cos’è un blog?

C’è un angolo di Hyde Park (Londra) chiamato SPEAKERS’ CORNER, dove chiunque può prendere la parola e cazzeggiare su quello che vuole: abbasso la monarchia, il vero problema è quello climatico, agli elefanti piace mangiare il castagnaccio caldo, ecc.

I presenti possono ignorare, commentare, fischiare eccetera. Libertà di parola, libertà di disapprovazione.

Ecco. IL BLOGGER è situato in questo angolo virtuale della rete. Se parli di cose che non interessano nessuno, non ti aspettare commenti. Se parli di Berlusconi e delle sue intemperanze verbali, i commenti superano il centinaio, come Allemanda ben sa.

Per verificare questa teoria, ho pubblicato un post su un argomento di nicchia.

Molto di nicchia.

http://un-paio-di-uova-fritte.blog.kataweb.it/2009/03/12/vareghi-in-carelia/ come esempio di come non si fa un blog.

Adesso, in ossequio alle regole del metodo sperimentale, conterò il numero dei contatti. Magari mi sbaglio, ma credo che i contatti non saranno numerosissimi.

Al contrario, il post che continua a incrementare contatti è Marcovaldo al supermarket (pubblicato il 15 sett scorso); non tanto per Marcovaldo e per Italo Calvino, suo creatore; quanto per la parola magica SUPERMARKET.

Più di 270 contatti e ogni giorno nuovi visitatori. Vi sembra significativo questo dato?

Annunci
Published in: on marzo 13, 2009 at 9:17 am  Comments (7)  
Tags: , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2009/03/13/che-cose-un-blog/trackback/

RSS feed for comments on this post.

7 commentiLascia un commento

  1. C’è da chiedersi se valga la pena scrivere per se (vedesi nicchia) o assecondare il piacere del pubblico (supermarket?). Non so rispondere a questo dilemma: ecco perché non ho un blog.

    Mi piace

  2. TO BLOG OR NOT TO BLOG, THIS IS THE QUESTION
    mi sto convincendo che scrivere su cose troppo alla moda (le cazzate di Berlusca e i film sui teen-vampiri) non è divertente; il post MARCOVALDO AL SUPERMARKET è arrivato a 276 contatti: ciò dimostra solo che le masse sono attratte dalle parole magiche IPERCOOP e CARREFOUR, digitano su Google e finiscono lì
    Farò un altro esperimento: posterò un mio raccontino, su cosa succederebbe oggi a Dante se volesse pubblicare la Commedia; lo chiamerò HORROR COMEDY

    Mi piace

  3. ciao! come fai a calcolare il numero dei “contatti”? sono i click sul tuo blog o cosa? Mi interesserebbe saperlo..

    Mi piace

  4. come faccia WordPress a calcolare quante visite abbia ricevuto ogni singolo post NON LO SO
    è uno dei misteri dell’Universo che un giorno ci saranno rivelati
    COMUNQUE ecco la top five:
    MARCOVALDO AL SUPERMARKET 277
    IL BAMBINO CON IL PIGIAMA A RIGHE 175
    il computer è una macchina stupida… 156
    AUSTRALIA, il film 104
    TWILIGHT, il (brutto)film 100

    Mi piace

  5. Horror Comedy? non vedo l’ora di leggerlo!

    Mi piace

  6. molto calzante il paragone con hyde park!
    🙂
    per quanto riguarda i post piùquotati e cliccati per me saranno sempre un mistero, dato che kataweb non li rende visibili al mio contatore…ma tant’è, mi diverto lo stesso a scrivere e spero di divertire anche gli altri che mi leggono.

    Mi piace

  7. ah ah ah! ho appena notato il tuo post sui varenghi ha appena toccato quota 11 commenti: non male per un esempio di come NON fare blog 😉

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: