CINEMA A NATALE: la duchessa e il cosmo sul comò

I film migliori non arrivano sugli schermi in questo periodo.

I distributori sanno che va al cinema una gran massa di persone dal palato facile e i “prodotti” migliori li mandano in giro in autunno o nei mesi gennaio-febbraio-marzo. Fate uno sforzo di memoria: quando sono usciti in Italia i migliori del 2008, cioè GOMORRA, IL PETROLIERE, AMERICAN GANGSTERS, IO SONO LEGGENDA e BURN AFTER READING?

PREMESSO CIO’, un paio di bei film li ho visti.

ALDO GIOVANNI E GIACOMO hanno confezionato un buon prodotto, pieno di solido mestiere teatrale, aiutati da una brillante schiera di attrici (tra le quali Angela Finocchiaro). Migliore tra i quattro episodi, secondo me, il secondo: la surreale coppia parroco-sacrestano nella scena del confessionale ha strappato una risata omerica alla platea del Medica.

Ancora di più ho apprezzato LA DUCHESSA.

A metà strada tra ORGOGLIO E PREGIUDIZIO e MARIE ANTONIETTE.

KEIRA KNIGHTLEY (la bravissima interprete di ELIZABETH BENNETT) qui è un’inquieta nobildonna che ha sposato un duca (era meglio se sposava Mr. Darcy!) e si è MOLTO PENTITA di averlo fatto.

Tutto il pubblico, maschile e femminile, ha fatto il tifo per lei per 112 minuti e nel finale ho sentito i fazzoletti testimoniare la commozione. Splendidi i costumi (da Oscar secondo me, come da Oscar furono quelli di Milena Canonero) e perfetta l’ambientazione storica.

 

Annunci

The URI to TrackBack this entry is: https://ilbibliofilo.wordpress.com/2008/12/25/cinema-a-natale-la-duchessa-e-il-cosmo-sul-como/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Se dici che ricorda la Marie Antoinette della Coppola corro a vederlo, ho adorato quel film con tutto il mio cuore, e riuscire a far versare delle lacrimuccie per la famiglia reale, e prenderene inconsapevolmente le parti quando arriva la folla inferocita, a me!!, è davvero un impresa !

    Mi piace

  2. ricorda MARIE ANTONIETTE per i sontuosi costumi
    MOLTO DIFFERENTE invece per il carattere della protagonista; M. Antoniette era un’incantevole cretina (tanto cretina da far tenerezza e CAPISCO BENE cosa hai provato nel finale di quel film); qui abbiamo una donna GRINTOSA e capace di vendicarsi del marito regalandogli un ramificato paio di corna… alla fine rinuncia AL GRANDE AMORE ROMANTICO perchè irrealizzabile: sola contro tutti (madre compresa) non ce la poteva fare

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: